Escursioni Asinara - R&B AL MARTIN PESCATORE STINTINO
487
page-template-default,page,page-id-487,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,transparent_content,qode-theme-ver-13.7,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

ESCURSIONI ASINARA

Asinello bianco del Parco Nazionale dell'Asinara

Asinello bianco del Parco Nazionale dell’Asinara

Il b & b  Al Martin Pescatore, collabora con L’agenzia La Nassa per le escursioni asinara che dal -2002 svolge fra i vari servizi turistici, il servizio di prenotazione per le escursioni al Parco dell’Asinara, di intesa con gli operatori che hanno aderito ad una convenzione specifica con l’Agenzia la Nassa e che hanno speciale concessione autorizzata dall’Ente Parco.

Tale servizio informativo e di prenotazione,  è effettuato al fine di rendere più facile la conoscenza delle informazioni relative a tutte le escursioni che si effettuano per il Parco Nazionale dell’Asinara.

L’agenzia la Nassa vi propone una vasta scelta di escursioni per la vostra visita agli oltre 50 kmq di territorio dell’isola dell’Asinara con più di 100 km di splendida costa.

Prenotazioni dei traghetti per l’Asinara da Stintino per escursioni in mountain bike e trekking in autonomia, escursioni via mare con catamarani e pescaturismo, escursioni via terra coi fuoristrada e con il trenino.

Il Parco nazionale dell’Asinara è un’area naturale protetta istituita con decreto il 28 novembre 1997. Si trova vicino a Stintino in Sardegna e più precisamente in provincia di Sassari. L’intero territorio del Parco nazionale è rappresentato dall’isola dell’Asinara che, amministrativamente, appartiene al comune di Porto Torres.

La vegetazione si presenta fortemente degradata per via del pascolo eccessivo da parte di specie introdotte dall’uomo (capre domestiche, mufloni e cinghiali). Si può notare la presenza dell’euforbia (Euphorbia dendroides) che, in quanto tossica, non è oggetto del pascolo da parte degli animali erbivori. Soltanto in località Elighe Mannu si trova una piccola formazione originale di bosco di leccio (Quercus ilex). Attualmente l’Ente parco, in collaborazione con l’Ente foreste della Sardegna, sta provvedendo alla cattura ed al trasferimento delle specie introdotte dall’uomo, al fine di consentire alla vegetazione di ricolonizzare il territorio[7].

Con le escursioni asinara si potranno vedere La flora dell’isola che presenta, grossomodo, gli stessi componenti di quella della vicina Sardegna. Lungo le coste rocciose si sviluppa una vegetazione alofila bassa dominata dal finocchio di mare (Crithmum maritimum), il ginestrino delle scogliere (Lotus cytisoides) ed il limonio a foglie acute (Limonium acutifolium). Le coste sabbiose sono invece dominate dalla gramigna delle spiagge (Agropyron junceum), dallo sparto pungente (Ammophila littoralis), la santolina delle spiagge (Otanthus maritimus) e dal giglio marino (Pancratium maritimum)[8].